In Sex Toys

I vibratori più stravaganti al mondo!

“Vibro ergo sum”!

Un vibratore è per sempre” …almeno finché durano le pile!

Scopriamo insieme i vibratori più bizzarri e stravaganti al mondo!

Immagino conosciate tutti la storia del vibratore e del suo antico impiego per curare l’isteria (suggerisco il film “Hysteria” del 2011 con Maggie Gyllenhaal e Rupert Everett, che tratta proprio dell’invenzione del vibratore per curare il “male del secolo“). Nacque appunto in Francia nel 1734 per aiutare i medici a combattere questa malattia, che veniva chiamata Tremoussoir. In realtà l’hysteria era una condizione mentale, molto simile allo stress. Le donne a cavallo tra il 1700 e il 1800 non avevano vita facile: dovevano fare numerosi sacrifici, badare alla famiglia, aiutare il marito e sottostare ad esso. Il mondo era ancora incentrato sulla figura maschile (ndr …è cambiato qualcosa?).

La cura individuata per questi “eccessi emotivi” era la manipolazione manuale dell’area genitale della paziente da parte del medico, per causare il cosiddetto “parossismo isterico”, che avrebbe dovuto sfogare ed eliminare l’isteria. In realtà quello definito parossismo isterico altro non era che un orgasmo, ma i medici non se ne rendevano conto. La “manipolazione” non era sessuale, anzi era considerata dai medici un’attività molto faticosa! Proprio per evitare questo “affaticamento delle mani“, alcuni medici inventarono delle macchine automatiche per svolgere questo “spiacevole compito” al posto loro.

Ma sappiamo che anche nell’Antica Grecia il dildo veniva usato per combattere l’hysteria. Gli uomini infatti regalavano gli olisbos, ovvero falli in bronzo o in legno rivestito da cuoio, alle proprie mogli, come metodo alternativo durante l’assenza, specialmente nei periodi di guerra, o per evitare che le mogli andassero “a caccia” !

Romani inventarono addirittura il dildo doppio, ovvero una coppia di falli sovrapposti o contrapposti, da usare in occasione di cerimonie e con amici.

Dall’altra parte del mondo, in Cina, il dildo nacque come aiuto per gli uomini di alto rango, che potevano permettersi più mogli, ma non riuscivano da soli a soddisfarle tutte.

In India e Persia usavano i dildo per rompere l’imene delle giovani vergini, perché era proibito fare sesso prima del matrimonio: i futuri mariti non potevano sporcarsi di sangue il proprio pene, perché era considerato impuro.

Insomma c’è sempre stato bisogno di un vibratore! Anche perché se hai bisogno di loro, a differenza di un marito o un amante, ci saranno sempre e ti soddisferanno sempre.

A San Francisco, dal ’77, negli U.S.A., c’è il “museo del vibratore” che racconta la storia e l’evoluzione di questi nostri “amici intimi“. Si chiama Good Vibration, ed è stato da tempo riconosciuto dallo Stato della California per i suoi meriti educativi ( in contrapposizione netta, per esempio, all’Arizona dove, per legge, è illegale avere più di un vibratore…!).

E il vibratore ha anche un altro curioso record: è infatti il quinto “apparecchio domestico” di cui è stata realizzata una versione a corrente elettrica, dopo macchina da cucire, ventilatore, bollitore e tostapane, ma molto prima (una decina di anni) rispetto ad apparecchi quali aspirapolvere o ferro da stiro.

Ed io per voi e solo per voi, nella mia passeggiata quotidiana nel web con tacchi a spillo e guêpière, ho voluto selezionare i vibratori più stravaganti ed inquietanti in commercio. Ecco i 10 finalisti:

1) SVIBBLE – I vibratori ecofriendly, rigorosamente realizzati a mano, con materiali naturali come legno e bambù. Indicati per gli allergici al silicone, sono rigidi, duri e resistenti…… nmmmmmmmmmmmmmm!

2) UNICORNO HORN DILDO… e il sogno realtà diverrà! La tua “vagina incantata” si divertirà con questo dildo del corno Unicorno, realizzato a mano, in silicone medico al 100%. Possiede inoltre una ventosa incorporata alla base, in modo da poterlo attaccare a qualsiasi superficie… funcy stuff!

3) ICICLES GLASS – Spectacular Tentacular! Un’avventuroso dildo in vetro da 6 pollici. Un’opera d’arte oltre che oggetto di piacere, questo bellissimo giocattolo trasparente ha curve eleganti e stimolanti protuberanze, creste , zig zag e venature che alimentano l’eccitazione!

4) SMILE MAKERS – Queste forme falliche colorate sono progettate per evocare personaggi stereotipati per chi ha voglia del francese, il Millionaire, l’allenatore di tennis, il vigile del fuoco o il surfista. Vi eccitava di più il postino?

5) DILDIY – DIY è l’acronimo inglese per Do It Yourself, “Crealo da solo”, motto riferito alla pratica di stampare in 3D oggetti della vita quotidiana…anche accessori sessuali! È proprio il caso del rivoluzionario dildo in 3D, che tramite una app, vi permette di scegliere il design che preferite. Poi lo inviate all’azienda, che stampa in 3D il prodotto e ve lo consegna a domicilio. Pratico no?

6) OHMIBOD – Oh my God! Il vibratore musicale… il mio preferito! Si collega all’ iPod o qualsiasi altro dispositivo per riproduzione audio e “vibra” e “colpisce” a tempo di musica! Già mi vedo ad ansimare sulle note di ” A chi la do stasera….. la mia felicitàaaaaaaaa” di Nadia Cassini! UUHH…

7) HUM – Il vibratore intelligente capace di adeguarsi al grado di eccitazione del fruitore. Wow! Un giocattolo sessuale che recepisce e “impara” le stimolazioni più amate dalla donna che lo utilizza. Un po’ come un bravo fidanzato o marito…. capito cari maschietti? Non si dovrà nemmeno regolare la velocità manualmente, Hum farà tutto da solo. Il suo motto è infatti “Se sente che ti muovi, Hum ti risponde“… il nuovo iPhone dei vibratori?

8) INEZ – Il vibratore d’oro più costoso al Mondo! Realizzato in acciaio inossidabile o in una raffinata placcatura in oro a 24 carati, liscio e splendente…. perché il piacere non ha prezzo. Anzi ce l’ha! Soltanto 12.000 euro… ma vuoi mettere? 

9) OBAMA DILDO – Yes we can! Con questo claim Mr. Obama ha inondato tutto il mondo, persino quello sessuale. Il vibratore con la sua faccia non sembra dire altro “Ce la possiamo fare“…!

10) HELLO KITTY VIBRATOR – Dopo i preservativi arrivano anche i vibratori della “gattina” più amata del pianeta. Oggetti discreti, dall’aspetto insospettabile, si possono appendere anche al muro. Le tendenze dell’arredamento non sono ancora arrivate a tanto, ma non si mai che diventino di moda!

Se non ne avete ancora abbastanza, esiste una serie di “funny” sex toys che vi sembreranno a primo impatto i nuovi articoli di merchandising di cartoni animati, film o serie tv, ma sono in realtà dei coloratissimi dildo e vibratori di design, che sono stati realizzati prendendo spunto da supereroi e pupazzetti. Sembrano dei giocattoli, ma vi assicuriamo che il loro utilizzo non è così ingenuo, anche se la loro componente ludica è chiara a tutti. I primi a catturare la mia attenzione sono stati “lo scettro lunare” e il “cristallo di luna”. Vi sembrano nomi stranamente familiari? Se eravate bambini negli anni ’90 sicuramente si. Stiamo infatti parlando delle armi della celebre paladina che veste alla marinara e punisce i suoi nemici “in nome della luna”: Sailor Moon. Stupiti, imbarazzati, divertiti? Non guarderemo più Sailor Moon con gli stessi occhi!

Sempre dai manga arriva l’ispirazione per la produzione italiana dell’azienda Kokoro: a prima vista appaiono molto più toys che sex, in quanto sono dei veri e propri pupazzetti dalle faccine simpatiche. Ed hanno anche dei nomi e delle funzionalità diverse. Ve li presento: sono Clitt, Geen e Woody…sta a voi scoprire le loro “hot skills“.

La serie ispirata agli Avengers è davvero divertente. Il designer Balazs Sarmai li ha progettati ispirandosi alle caratteristiche dei supereroi e ognuno viene fornito con il proprio super potere. Ad esempio, “Thor” è uno stimolatore elettrico mentre “Hulk” è un grosso dildo in silicone verde!

Se poi volete sentire la “forza” in modo completamente diverso c’è “The Darth InVADER“! Il potere dello “scorrimento” oscuro con tanto di suoni ansimanti, anche nella versione luxury “Lord Vader” della Lelo… l’impero colpisce ancora!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SexCuriosity: Un vibratore da 2 mln di dollari: tanto ha speso David Beckham per stupire la moglie Victoria Adams! Lo Spice Boy ha scelto, con nonchalance, questo delicato oggettino di platino e diamanti…that’s amore!

SexUtility: Le leggi europee sullo smaltimento dei rifiuti indicano che non ci si puo’ sbarazzare di un qualsiasi dispositivo elettronico come se si trattasse della buccia di una banana e che occorre trovare un sistema di smaltimento adeguato. La LoveHoney, società britannica leader nella distribuzione online di giocattoli sessuali, lancia la campagna Rabbit Amnesty, dal nome del suo vibratore “storico” a forma di coniglio. I vibratori usati verranno portati a un apposito centro di smaltimento, dove verranno smantellati e alcuni dei loro componenti saranno riutilizzati per costruirne di nuovi. In cambio si potrà acquistare dal sito dell’azienda un altro “giocattolino”, questa volta a metà prezzo. Le stime degli operatori del settore sostengono che il 43% degli americani ha utilizzato un vibratore almeno una volta nella vita e di conseguenza il rischio ambientale rappresentato dai giocattoli sessuali non è da sottovalutare. Inoltre LoveHoney si è impegnata a devolvere una sterlina per ogni riciclo al World Land Trust, che ΩΩΩZda quasi vent’anni combatte per la riforestazione dell’Amazzonica. Se un giorno vorrete disfarvi del vostro vibratore saprete cosa fare.

(http://www.lovehoney.co.uk/)

 


Non perderti neanche un aggiornamento. Iscriviti alla newsletter!

Share Tweet Pin It +1

You may also like

Cunnilungus? Impara a leccarla!

Posted on 2 agosto 2017

Star Trek o Godus Altruistus?

Posted on 26 febbraio 2017

Manette … raffinate

Posted on 14 giugno 2018

Previous PostCome farlo impazzire a letto? Intervista Gioia
Next PostI consigli di sesso della Dyvina per Trendy News!

No Comments

Leave a Reply